6000m: Pronti per il nostro massiccio del Nepal

Seimila metri, che scritto come fosse un assegno,verrebbe Seimila/00.
Ovvero 15 giri di pista di atletica, oppure 60 volte un campo di calcio, o magari, per chi ha davvero fantasia, uno dei massicci del Nepal messo per lungo.
E’ una distanza che fa paura, soprattutto se confrontata con i duemila metri che molti di noi hanno appena percorso per gareggiare nella distanza principe del canottaggio (anche indoor).
Seimila metri non sono una distanza principe, ma una distanza per lavoratori veri.
Ed è per questo che non ci vengono in mente motivazioni che vi possano convincere a provarci, se le motivazioni non le avete già dentro di voi.
Le motivazioni si chiamano Italian Challenge, perché questo è il penultimo Round di un campionato (ce l’abbiamo solo in Italia, una cosa così) che volge in dirittura d’arrivo. Se volete completare l’Italian Challenge 2019 e provare per lo meno a pensare di affrontare una mezza maratona, i seimila sono una tappa obbligatoria.
Sappiamo già che sarete meno della gara precedente. E’ sempre così e ci siamo abituati.
Sappiamo anche però che ci saranno i più duri, i più motivati, insomma, i più tosti.
Avete memorizzato i volti ormai noti che avete incontrato nelle gare precedenti?
Bene, perché forse non li vedrete più fino all’anno prossimo. Gli altri sono quelli come voi, e forse in cuor vostro lo sapete chi sono.
Che altro dire? Per quelli di voi che parteciperanno alla prossima gara, non c’è nient’altro da aggiungere.
Ci vediamo “ai seimila”.

Questa voce è stata pubblicata in News. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.